Separati con figli: il momento delle vacanze

 

Allevare figli è un’impresa creativa, un’arte più che una scienza

Bruno Bettelheim

Il momento delle vacanze è sempre un momento delicato e importante, nella vita dei separati con figli. Si ha l’occasione di avere del tempo continuativo da passare con loro. Ma nello stesso tempo, si ha la preoccupazione di fare le scelte giuste. Si ha paura di sprecare un periodo così importante. Si aspetta il momento di avere i figli tutti per sé, ma si teme che non si crei il feeling giusto. Che, soprattutto per i recenti separati con figli, non si riesca a instaurare un rapporto autentico e nuovo con loro.

In effetti, in vacanza non c’è la routine e la quotidianità a supporto. Le mille faccende quotidiane che incalzano e che ci riempiono la giornata, non ci sono più, sostituite da altre. Il tempo va riempito in altro modo, e ci sono molte occasioni per guardarsi negli occhi. Forse troppe, a volte. Credo che questo sia un sentimento comune a molti separati con figli.

I figli non pretendono la luna

 

Quando i genitori fanno troppo per i loro figli, i figli non faranno abbastanza per se stessi.

Elbert Hubbard

Quando si è separati con figli, la prima tentazione è quella di compensare il disagio creato. Si tende a colmare i figli di beni materiali. Si cerca di bilanciare il dolore arrecato con qualcosa di piacevole.  Si cerca di dare tutto ciò che si può dare. Nel caso delle vacanze, spesso si organizza un viaggio in luoghi esotici o spettacolari.

Ma la cosa che i nostri figli vorrebbero davvero, purtroppo, è l’unica che non possiamo dare, ovvero il rimettere insieme la famiglia. Se non possiamo dargliela, partiamo però da qui.

Ciò che i nostri figli vogliono è che dedichiamo loro il nostro tempo. I separati con figli spesso si dimenticano di questa semplice ma importante necessità. Ai nostri figli non interessa, soprattutto se sono ancora piccoli, andare dieci giorni in un resort a Bali, dove avranno la giornata piena di attività straordinarie in un luogo da fiaba. Preferiscono passare dieci giorni a Ostia con il proprio padre, o con la propria madre, a fare le normali attività di spiaggia. Ma con il genitore sempre lì, quasi a disposizione. Il genitore sempre pronto ad accorrere. Sempre pronto a garantire con un sorriso la disponibilità della quale hanno bisogno.

In sintesi, quindi, ciò che chiedono massimamente è il nostro tempo. Ciò che desiderano di più è la nostra attenzione.

Separati con figli, la necessità di ascoltare

 

Mentre noi cerchiamo di insegnare ai nostri figli tutto della loro vita, loro ci insegnano che cosa conta davvero nella vita

Angela Schwindt

Le vacanze sono un momento speciale? E allora, scegliamo un ritmo lento. Lasciamo spazio a momenti di tranquillità. Creiamo, senza sollecitarle, situazioni nelle quali si possa parlare. Costruiamo un clima giusto per il confronto. I nostri figli hanno bisogno di parlare. Hanno bisogno di chiarire i propri dubbi. A volte, hanno bisogno di tirar fuori e discutere il loro dolore.

Certo, non è facile. Però noi genitori separati con figli dobbiamo apprendere l’arte di ascoltare. Che non vuol dire semplicemente ascoltare con le orecchie. Ma vuol dire predisporre il cuore a capire. Predisporre noi stessi ad accogliere. Ad accettare anche il punto di vista dei nostri figli, per esempio riguardo la separazione. D’altronde, la vivono anche loro. E la vivono spesso in modo più drammatico rispetto a noi. Anche perché loro, veramente, non c’entrano niente. La subiscono e basta.

I bambini, in definitiva, ci chiedono molto poco, come beni materiali. Non chiedono cibi raffinati. Non chiedono abiti costosi. Giocano con pezzi di vecchie cose. L’unica cosa che veramente ci chiedono è l’amore, manifestato come accoglienza e disponibilità nei loro confronti. Manifestato come accettazione di ciò che sono. Dobbiamo sempre tenerlo presente.

Ridurre le “distrazioni”

 

L’emozione più grande la vivi con tuo figlio. Non c’è cosa più bella quando sul tuo petto senti il suo primo battito, il suo respiro

Domy Mendolia

Appena separato trascorrevo le vacanze estive con miei figli insieme a mia mamma e ai miei fratelli, al mare. Siamo una famiglia piuttosto unita. Per miei figli era anche l’occasione per approfondire meglio la conoscenza con i cugini dalla mia parte. E il mare lì è veramente bello.

Ecco, non che questo fosse sbagliato, anzi. Ma dopo un certo tempo mi sono reso conto che era una situazione confusionaria, dispersiva. Non completamente positiva.

Miei figli erano distratti da mille sollecitazioni. Venivano coccolati, e giocavano liberamente, si divertivano. Ma il rapporto con me veniva diluito da quello con gli altri. Mancava il tempo da passare insieme, da soli. Non si creavano quelle occasioni, quei momenti di dialogo e di sincerità spontanea dei quali ho parlato sopra.

Credo che questo ai separati con figli capiti spesso. Si cerca di organizzarsi al meglio. Spesso i soldi per le vacanze sono pochi, e come nel mio caso ci si fa ospitare da un genitore o da un parente. Ottima cosa. Quello che però bisogna riuscire a mantenere, anche in una situazione come questa, è uno spazio protetto. E’ un tempo dedicato. Essere  separati con figli è una situazione molto più difficile che essere separati e basta, o genitori e basta. Non dobbiamo lasciarci scoraggiare, ma dobbiamo sempre tenerlo presente.

Separati con figli: il consiglio finale

Voglio concludere con una bella frase di Garcia Marquez. La utilizzo spesso come bussola quando non so come comportarmi nelle decisioni riguardo ai miei figli. Penso che siano dubbi comuni a tutti i separati con figli, e anche ai genitori non separati.

 

A un bambino darei le ali, ma lascerei che imparasse a volare da solo

Gabriel Garcia Marquez

 

Se il mio articolo ti è stato utile e pensi che possa esserlo anche a qualcun altro, condividilo sui social. Se vuoi contribuire con la tua esperienza o vuoi dirmi che cosa ne pensi, fallo pure nei commenti. Te ne sarò grato.

Se invece vuoi metterti in contatto con me, compila e invia il modulo qua sotto. E grazie per il tempo che mi hai dedicato

 

One Comment

E' un piacere averti qui!