Come organizzare la vita da separato

Come organizzare la vita da separato. Non è semplice. La separazione, il divorzio significano, tra le altre cose, il doversi organizzare un’esistenza domestica da soli, per proprio conto. Se per alcuni ciò è l’ultimo dei problemi, per altri non è così. Molti uomini, lo dico con rammarico, sono purtroppo ancora abituati ad avere qualcuno che cucina, fa la spesa e pulisce per loro, e non saprebbero da dove iniziare. Eppure, se tu appartieni al secondo gruppo sappi che non è difficile cavarsela più che dignitosamente. Per sapere come organizzare la vita da separato bastano qualche idea e un po’ di buona volontà.

Parti dall’aspetto positivo del vivere da solo: l’indipendenza e la libertà. Per arrivarci, però, devi riuscire a badare a te stesso. Mangiare fuori casa è costoso, e alla lunga scomodo. Cucinare, anche peggio. Una camicia ben stirata diventa un miraggio, a meno di ricorrere alla mamma o a qualche amico o amica di buon cuore. Ogni bucato è una scommessa sull’esito. Eccetera eccetera eccetera.

Ti ricorda, per caso, la tua vita? Coraggio: perché il rimedio c’è. Per superare le mille insidie della vita da separato o divorziato basta seguire alcune semplici regole, e sapere come si fanno le attività di base che vi capiterà di dover affrontare.

Voglio svelarvi le 3 (più una) regole base della vita (da separato o divorziato) serena.

1. Organizzati

Lo so, stai pensando: “Ma che cavolo di consiglio è? E’ proprio quello il mio problema.” Eppure, prenditi un paio di minuti per riflettere su quanto sto per dirti. Qualunque difficoltà domestica tu abbia, qualsiasi problema tu ti trovi ad affrontare, che sia fare la spesa in modo efficace o attaccare un bottone o avere una casa ordinata, l’organizzazione è alla base di tutto. Certo, le nostre nonne o le nostre mamme avevano dentro di sé una sorta di “organizzazione innata”, quasi che fosse stampata nel loro DNA. Ma teniamo presente il modo in cui sono state allevate, e gli anni e anni di “allenamento” alla cura domestica e della persona. Se tu quell’allenamento non lo hai, come è evidente, devi sopperire in altro modo.

2. Scrivi, scrivi, scrivi

Per trovare la chiave di come organizzare la vita da separato, la prima cosa da fare è quella di fare liste per ogni cosa. “Che trovata”, dirai; ed effettivamente non è niente di originale; ma ti può salvare in tante situazioni. Prenditi l’abitudine di segnare le cose che devi fare. Tieni un mazzo di fogli A4 (di quelli da fotocopiatore, per intenderci) e una penna in un punto prescelto, sempre lo stesso.  Nel fine settimana fai una lista delle cose che dovrai fare nei sette giorni seguenti; al mattino, come prima cosa, rileggi la lista e smarca le cose fatte, eventualmente aggiungendo le new entry. C’è chi preferisce fare questo lavoro la sera, ma personalmente lo sconsiglio: il momento più produttivo della giornata, e quello con maggiore nitidezza di pensiero, è il mattino.

Abituati a fare liste anche quando vai a fare la spesa (per avere consigli su che cosa e come comprare ti rimando a questo articolo), o dal medico, a fare shopping o per uffici eccetera. E non usare i post-it: dopo i primi tre o quattro attaccati al frigo, non li vedi più. Meglio invece, come dicevo, un bel foglio grande e bianco.

3. Riordina le tue cose e fai delle scelte

Fatta la lista, cerca di dare un ordine alle cose che devi fare, accorpandole per tipologia o per zona della città. Fatti una scaletta, un percorso. Dieci minuti saranno sufficienti, e ti potrebbero far risparmiare ore. Separato o divorziato può fare rima con organizzato, non credi?

L’utilità di fare liste, oltre a quella ovvia di non dimenticare nulla, serve anche ad avere un quadro completo di ciò che ci aspetta, ma soprattutto ad avere evidenza di quante cose facciamo. Se teniamo abitualmente delle liste ci accorgeremo che ci sono molte attività che potremmo tranquillamente evitare, tagliare via, senza alcun danno o perdita, oppure che potremmo accorpare per evitare di farle troppo di frequente. Con un po’ di organizzazione e di buon senso, possiamo fare la spesa una volta alla settimana anziché ogni giorno, quando, al momento di mangiare, ci accorgiamo di avere il frigo desolatamente vuoto.

4. Agisci con coraggio

Ma non c’è solo la spesa. Ci sono attività che facciamo per compiacere o per non scontentare altri, o perché lo abbiamo sempre fatto. Queste attività vanno riconsiderate, e se possibile tagliate. Il tempo è veramente il nostro bene più prezioso, non è retorica, e prima di regalarlo agli altri pensiamoci bene. E pensiamoci bene anche prima di impiegarlo in attività che non ci danno alcun piacere ma che comunque vanno fatte, se abbiamo qualche alternativa (vedi al prossimo paragrafo).

Devi essere coraggioso e anche un po’ spietato, quando si tratta di come organizzare la vita da separato, la tua vita.

Eliminando le attività superflue recuperiamo tempo per cose che ci piacciono, o per momenti dedicati solo a noi: una passeggiata, un bagno caldo, un film in santa pace. Se vogliamo trovare un nuovo equilibrio, dobbiamo capire che la solitudine è l’elemento principale. Solo se sappiamo stare bene da soli potremo scegliere la compagnia degli altri, e non dipenderne. La separazione o il divorzio non sono una condanna sociale.

5. Impara a delegare o paga per il tuo tempo

Non puoi fare tutto da solo, questo sicuramente lo avrai capito. Dopo una separazione o un divorzio, anche se sei di nuovo single e se sei uno di quelli che fanno un punto d’orgoglio il non dover dipendere dagli altri, devi capire che, ad un certo punto, agendo da solo non vai da nessuna parte. O meglio: ci vai, ma sacrificando troppo tempo che potresti dedicare alle tue passioni.

Nel come organizzare la vita da separato fare liste, organizzarsi, ragionare su ciò che si fa serve a prendere coscienza di come impieghi il tuo tempo; e serve, anche, a capire che cosa ti piace fare e che cosa no. Adesso, però, devi fare un ulteriore passo avanti: di quello che non ti piace, cerca di capire che cosa puoi far fare a qualcun altro, probabilmente pagando. Le pulizia domestiche sono un esempio. Certo, devi sostenere un costo, e probabilmente questo inciderà sul tuo bilancio mensile; ma, credimi: sono soldi ben spesi.

6. Sperimenta

Non è necessario che le pulizie vengano fatte ogni giorno: se riesci a essere ordinato, e a fare qualche piccolo lavoro domestico, anche una volta alla settimana di pulizie profonde sarà sufficiente. Ti consiglio, però, di cominciare con una frequenza inferiore, di una volta ogni quindici giorni. Chiedi che la casa venga pulita a fondo e completamente, vetri inclusi. Per le due settimane successive, concentrati sul tenere ogni cosa in ordine, e, a tua volta, pulisci la cucina e, ogni tanto, i sanitari.

Cerca di capire se questo aiuto esterno è sufficiente, altrimenti intensifica a una volta alla settimana. Nella mia esperienza, però, se in casa stai molto poco, quasi solo per dormire, una pulizia professionale ogni 2 settimane e un po’ di “manutenzione” personale sarà sufficiente ad avere una casa sempre in ordine e discretamente pulita.

Abituati a sperimentare ogni volta che vuoi apportare un cambiamento sul come organizzare la vita da separato.

E infine, la “regola” decisiva.

L’ingrediente più importante

Per concludere questo articolo su come organizzare la vita da separato, devo essere onesto: la tua nuova vita da separato o da divorziato non avrà mai un andamento accettabile, se manca un ingrediente fondamentale: devi volerti bene. Vale sempre, ma ancora di più dopo una separazione o un divorzio: cerca la tua felicità, le persone che ti fanno star bene, le situazioni a te più congeniali. Evita come la peste le persone negative, quelle che si mettono al centro del mondo e i cui problemi sono gli unici veramente importanti, che ti scaricano addosso veleno e pessimismo. Prova a frequentare posti nuovi: alimenta la novità, la curiosità, il gusto della scoperta e dell’avventura. Apriti al mondo, e al futuro, Cerca la tua dimensione. Tutto questo, unito a una vita un po’ più organizzata e semplice, ti farà veramente vivere la tua condizione in modo sereno, e magari, se è quello che vuoi, ti predisporrà meglio per una eventuale relazione.

3 Comments

E' un piacere averti qui!